Qual è la claudicatio intermittente?

Nella claudicatio intermittente (claudicatio intermittens) c'è un'arteriosclerosi nei vasi della gamba. Il termine tecnico è Peripheral Arterial Disease (PAD). I tipici sintomi di questo restringimento delle arterie sono forti dolori alle gambe. Questi si esprimono principalmente durante lo sforzo fisico, di conseguenza, le persone colpite spesso devono fare delle pause mentre camminano. Molti cercano di fare apparizioni frequenti come lo shopping in vetrina, fermandosi sempre davanti ai negozi. Con la diagnosi precoce, la malattia può essere trattata bene. Se viene rilevato in ritardo, spesso è sufficiente una sola operazione.

Arterie ristrette come causa

La claudicatio intermittente è una forma di malattia arteriosa periferica (PAD) in cui le arterie sono ristrette a causa di depositi nelle pareti della nave (arteriosclerosi). Di conseguenza, il flusso sanguigno è limitato, il che inizialmente non provoca alcun disagio a riposo.

Solo quando lo stress fisico, come camminare o correre, aumenta il fabbisogno di ossigeno dei muscoli, la circolazione non è più sufficiente ei muscoli ottengono troppo poco ossigeno. Questo si manifesta in un forte dolore, che scompare solo dopo un'interruzione dell'attività fisica.

L'arteriosclerosi si verifica quando il grasso viene immagazzinato nelle pareti del vaso. Ciò è dovuto principalmente ai livelli elevati di lipidi nel sangue, che possono essere dovuti a cattiva alimentazione e inattività fisica o difetti genetici. Il fumo, la pressione alta (ipertensione), il diabete mellito e l'obesità aumentano anche il rischio di vasocostrizione.

Sintomi di claudicatio intermittente

La costrizione dei vasi sanguigni è un processo strisciante che spesso passa inosservato a lungo. La progressione della PAD è divisa in quattro fasi secondo la classificazione di Fontaine:

  • Nella fase 1 non ci sono lamentele (PAD asintomatica).
  • Solo quando il diametro del vaso è già significativamente ridotto, si verificano sintomi. All'inizio, i sintomi compaiono solo sotto carico pesante, ad esempio quando si salgono le scale (fase 2).
  • Più tardi, il dolore è già evidente con distanze sempre più brevi. Altri sintomi di claudicatio intermittente possono essere una carnagione pallida e una pelle fredda sulla parte inferiore delle gambe.
  • Nella fase avanzata (fase 3), anche le gambe fanno male in pace.
  • A causa della riduzione del flusso sanguigno, le ferite sui piedi guariscono peggio, nel peggiore dei casi il tessuto può estinguersi (fase 4). Se questo è il caso, il tessuto deve essere rimosso, altrimenti rischia un avvelenamento del sangue potenzialmente letale.

Rilevazione precoce e diagnosi di PAOD

Spesso un'occlusione incipiente delle arterie viene determinata casualmente durante un esame di routine. Se il medico non è in grado di sentire l'impulso alle caviglie e ai piedi, questo può essere un'indicazione della PAD in fase iniziale nel caso di fattori di rischio appropriati.

Se vi è il sospetto di una PAD, il medico solleva il cosiddetto indice della caviglia: se la pressione arteriosa alla caviglia è notevolmente ridotta rispetto alla pressione sanguigna sul braccio, questo è un segno che i vasi della gamba si restringono. Questo può anche accadere se il disturbo intercostale non si è ancora manifestato con i suoi sintomi tipici.

Per garantire la diagnosi, il flusso sanguigno nelle arterie può essere visualizzato con una speciale macchina ad ultrasuoni. In questo modo si può determinare dove e quanto sia severa la costrizione.

Terapia della claudicatio intermittente

Se la claudicatio intermittente è ancora in una fase precoce, la riduzione dei fattori di rischio è spesso sufficiente per arrestare la malattia: astenendosi dalla nicotina e normalizzando il peso, la pressione sanguigna ei livelli di lipidi nel sangue prevengono l'aterosclerosi dal progredire ulteriormente.

Un programma di allenamento speciale supporta la terapia: attraverso l'attivazione mirata di alcuni gruppi muscolari, viene promossa la circolazione sanguigna, in modo che le nuove navi possano formarsi attorno a un collo di bottiglia. Inoltre, il medico può prescrivere farmaci che interferiscono con la funzione piastrinica. Questi inibitori dell'aggregazione piastrinica impediscono la formazione di coaguli di sangue sui colli di bottiglia.

Trattamento della PAD in fase avanzata

Nella fase tardiva della claudicatio intermittente, tale trattamento di solito non è più possibile, quindi spesso è necessaria un'operazione. Un catetere viene inserito nell'arteria della gamba e il vaso viene dilatato da un palloncino. Quindi uno stent viene utilizzato per ripristinare il flusso sanguigno. Se la restrizione è molto lunga, potrebbe essere necessario creare un bypass: un circuito di bypass è in costruzione da un'altra nave al fine di colmare l'area chiusa.

Se il PAD non viene trattato, minacciato nella fase finale dalla mancanza di afflusso di sangue al tessuto nel caso peggiore un'amputazione della gamba.

Se viene rilevato un restringimento delle arterie delle gambe, è probabile che anche altre navi nel corpo siano interessate. La claudicatio intermittente indica quindi indirettamente un aumentato rischio di infarto miocardico e ictus. Questo è un altro motivo per cui è importante adeguare le abitudini di vita e minimizzare i fattori di rischio.

Prevenire la claudicatio intermittente

Per proteggere le navi dalla calcificazione, astenersi dalla nicotina è un passo decisivo. Inoltre, una dieta sana con sufficienti acidi grassi insaturi aiuta a normalizzare i livelli di grassi nel sangue ea ridurre il sovrappeso.

Se si hanno condizioni come il diabete o la pressione alta, è importante che vengano trattati di conseguenza. A causa di un livello di glucosio nel sangue ben regolato e della riduzione della pressione sanguigna alta, diminuisce anche il rischio di arteriosclerosi.

Condividi con gli amici

Lascia il tuo commento